Segnalaci una news musicale, basta un semplice click!

Registrare decentemente un brano

Hai bisogno innanzitutto di una sala prove e di un mixer.

Poi di una serie di microfoni: uno per la chitarra, uno per il basso (il basso puoi anche attaccarlo direttamente al mixer, la chitarra meglio di no), uno per la voce e quattro per la batteria (grancassa, rullante, timpano-tom-piatti e charleston-piatti).
Attacca il tutto ad un mixer, attacca il mixer ad un PC, e con un buon programma di registrazione (sotto una breve lista) ed un buon programma di mixing è possibile ottenere una registrazione di buona qualità.
Ovviamente il risultato è tanto più alto quanto più alta è la qualità della scheda audio del tuo pc e dell'apparecchiatura che utilizzi.

Se quattro microfoni per la batteria ti sembrano una spesa eccessiva puoi sempre utilizzare batterie elettroniche...

I software più usati sono Qbase per Windows e Logic per Mac.
Sono programmi di mixaggio professionali, quindi di alto livello (sono usati spesso anche nelle sale di registrazioni molto importanti), ma complicati ad un primo approccio.

Il sistema è sempre lo stesso: microfoni che si collegano al mixer, mixer che trasmette il segnale analogico ad un dispositvo che lo trasforma in digitale, segnale integrato nel pc dove si può elaborare.

Se vuoi evitare questo procedimento, o per il fatto di possedere strumenti e microfonazioni di basso profilo, o per il non sapere usare il software di missaggio, è possibile utilizzare una sala di registrazione (più o meno professionale) e se si ha qualche soldo da spendere (di solito una cinquantina di euro a testa per un demo) si registra in multitraccia, ovvero ogni strumento separato, con gli assoli e la voce aggiunti alla fine e poi mixati tutti insieme, oppure in presa diretta, ovvero registrare tutti insieme con di solito le voci che vengono sovraimpresse. Il primo metodo è in assoluto il migliore, perchè permette di analizzare e scegliere la prova migliore per ogni singolo strumento; soltanto che è un procedimento più lungo, soprattutto in fase di mixaggio e quindi più costoso. Il secondo metodo dà risultati inferiori, ma è molto meno costoso e la qualità è comunque superiore ad una registrazione casalinga.