Sondaggio

Come giudichi l'album?

Scarso
0 (0%)
Insufficiente
0 (0%)
Sufficiente
0 (0%)
Discreto
1 (33.3%)
Bello
2 (66.7%)
Ottimo
0 (0%)

Totale votanti: 3

Autore Topic: Bigelf - Hex  (Letto 5383 volte)

Offline Devilslord

  • Gran Maestro di Forca
  • Moderatore Globale
  • Leggenda del Rock
  • *****
  • Post: 1197
  • Hegh bat'lhqu Hoch nej maH
    • La mia pagina su RockCiclopedia
Bigelf - Hex
« il: 30 Dicembre 2009, 15:11:50 »



L'album in questione è del 2003, la band è quella finnico-statunitense dei Bigelf, i quali, benché non siano proprio dei novellini (più di quattordici anni di attività alle spalle non sono pochi), sono balzati solo di recente all'onore delle cronache nostrane (si fa per dire...) a furia di esibizioni live, anche accanto a "guru" del Prog come Dream Theater e Opeth. Un vero peccato, perché appartengono a quella categoria di musicisti che ti sbattono il talento in faccia non appena infili il cd nel lettore. E se si tiene conto che non fanno robetta da quattro soldi nobilitata da qualche virtuosismo buttato qua e là - molto utile, di questi tempi, a guadagnarsi la pagnotta, ma decisamente meno se si vuole essere ricordati - bensì rock nudo e crudo con gli attributi, direi che vale senz'altro la pena di tendere l'orecchio... Qui sentirete Moog, Hammond, Mellotron e Gibson SG senza esclusione di colpi. E non mi si venga a dire che è fuori moda, perché la realtà è che per non fare figure barbine serve ancora riconoscere al volo le note di Immigrant Song, signori...

Ma passiamo al disco, che già quello è intriso di nostalgia... Il sound è molto caratteristico, praticamente i Black Sabbath che incontrano i Beatles e tutti assieme vanno a pranzo con i Pink Floyd. Rispetto al precedente Money Machine si sono piuttosto ampliati gli orizzonti - laddove ad inizio carriera l'ispirazione proveniva anzitutto dai toni giullareschi dei Genesis di Gabriel, mescolati con la grandeur dei King Crimson, al pop di classe di Bowie e alle ricercate commistioni dei primissimi Deep Purple - virando in modo più risoluto verso lo Stoner Rock. Non stiamo parlando di riesumazioni - attenzione - ma di alchimia. Qui si prendono pezzi di storie (nel vero e proprio senso del termine) diverse e li si fonde per ottenere qualcosa di inedito e soprattutto di credibile (altro che The Answer e compagnia bella...), che al giorno d'oggi è manna dal cielo. E' il lugubre giullare Damon Fox (voce e tastiera nonché leader della band) - con la sua vocalità ruvida accompagnata da synth alla Beatles, alla Richard Wright o alla Jon Lord o, ancora, alla Robert Fripp o alla Tony Banks, a seconda delle esigenze - l'asse portante anche al livello creativo. Si butta senza timore nella mischia e dice chiaro e tondo che per lui il rock è quello: niente compromessi, e chissenefrèga se non si va su MTV.

Si dà il via alle danze (non mi si fraintenda...) con qualcosa che farà drizzare i capelli a molti: ascoltando "Madhatter" la prima cosa che verrà in mente è "Ma che fanno, un medley con "Another Brick in the Wall" e "Iron Man"?". Risposta: "Sì, embè?". Insomma, è un tributo (persino nel testo), e oserei dire anche un gran tributo, non si può non riconoscerlo. E poi il "ricamo" è di notevole equilibrio, inoltre non si lesina spazio all'originalità (si veda il bel connubio voce-chirarra distorta), quindi onore al merito, è uno dei pezzi di maggiore impatto all'interno del disco; la differenza tra il plagio e la rielaborazione non sfugge a chi se ne intende. Si prosegue con "Bats In the Belfry II", difficilmente inquadrabile, ma che, muovendosi tra accattivanti innervature elettroniche e ripiegando più volte su lunghi intermezzi Progressive e floydiani (questi ultimi soprattutto nel cantato di Fox), conduce ad un rock melodico anni '70 contaminato da synth di sottofondo alla Standing on the Shoulder of Giants. "Pain Killers" (il secondo highlight del disco) è invece un richiamo ai Sabs di "Sabbra Cadabra", con una base più veloce rispetto ai loro standard e toni più "metallari". "Disappear" torna ai ritmi lenti e cadenzati sorretti da un basso in stile "Hand of Doom", ma con evidenti richiami - in particolare chitarristici - al migliore lato "decadente" dei Pink Floyd (e un Hammond azzeccatissimo come sottofondo per l'intero brano). Da non trascurare il bel riff rock-blues di intermezzo che a molti farà tornare in mente Blackmore e Lord.

"Rock & Roll Contract" amplia decisamente i temi, e se gli Oasis vi sembrano retrò allora in questo brano potrete ascoltarli in una versione molto più "lennoniana" di quella originale, e la variazione sul leitmotiv è ancora un potente rock-blues che conduce al finale, stavolta sulle rapide note Jazz del piano di Fox. "Sunshine Suicide" richiama il filone Prog moderno per ciò che riguarda gli stacchi repentini, mentre al livello strettamente melodico è un orecchiabile rock anni '70 con lunghi assoli di chitarra Hard. "Falling Bombs" fa un "salto nella modernità", per così dire: rock melodico contemporaneo nel tema principale, svaria su temi Blues, Prog-Metal e onirico-psichedelici, e forse è il crossover più "spinto" dell'intero disco. Siamo a "Black Moth", in cui basso e Hammond guidano temi decisamente soft ricordando molto da vicino "Dazed and Confused" degli Zep, per poi condurre ad un classico Stoner arricchito dalla presenza di accattivanti chitarre distorte in stile wah-wah. Questi ultimi due brani annoverano il contributo di Richard Anton, membro fondatore della band, fuoriuscitone però sin dal '96. "Carry the Load" riscopre le tonalità cupe e dirompenti dell'Hard-Blues in stile Black Sabbath, citando però ancora Gilmour & Co.. "Burning Bridges" si apre con un bell'Hammond in stile Deep Purple, e da malinconico valzer si trasforma rapidamente un maestoso e barocco rock che ricorda per certi versi il sound dei Muse (qui è ancora l'Hammond a dominare, ma in chiave "drammatica"). "Bats In The Belfry I" (è giusto, la prima parte viene proprio dopo la seconda...) ha una "clownesca" intro alla Mr. Bungle, poi riprende il tema del quasi omonimo brano all'inizio del disco, stavolta però in chiave più burlesque e per certi tratti jazzistica (in ogni caso dal sapore dannatamente orrifico...). Il lavoro si chiude con "$", un brano eseguito solo da Fox, un voce+piano che non è certo la punta di diamante (nè vuole esserlo), ma completa bene il disco. A tal proposito, prendetevi l'album successivo per sapere come va a finire...

In definitiva siamo davanti ad un album ben fatto (i Bigelf non sono i Queen, sia chiaro, però il loro dovere lo fanno egregiamente), ma soprattutto ad una dimostrazione di personalità, che un tempo si vendeva come il pane ma che da un po' non si vedeva più: per anni ci si è trovati di fronte a musicisti anche potenzialmente validi, ma privi del necessario "spirito d'avventura" necessario a fare il rocker. Niente rischi, non si scontenta nessuno, guadagno e celebrità sono comunque assicurati (insomma, minimo sindacale...). Ciò che tutti sappiamo, in definitiva. Ecco perché siamo ancora qui a chiederci (almeno chi non è ancora mutato geneticamente in un assatanato death-metallaro) se era meglio Jimmy Page o Ritchie Blackmore... Dopo aver ascoltato questo disco se non altro potremo smetterla per un attimo di porci simili interrogativi esistenziali e tornare a provare curiosità per il pezzo successivo, oltre che chiudere gli occhi e assaporare una per una le note. La strada è quella giusta, lo spirito anche, allora la prossima volta avremo che rispondere quando l'emaciato fan di turno di Marco (S)Carta o del tizio che canta la sigla dei Pokemon ci rinfaccerà di ammirare dei "vecchietti" di 65 anni. O, se ancora non colgono, resta pur sempre l'opzione del pestaggio all'inglese (si scherza, ovviamente)...

Ma, a parte le chiacchiere, è l'equilibrio dell'insieme che distingue questo disco. Riesce a fondere cose belle del passato creando qualcosa che, con l'occhio (anzi, l'orecchio) di oggi costituisce qualcosa di più della somma delle singole componenti. E' quindi la dimostrazione che si può creare anche con il trascorso, a patto che sia di qualità. Ascoltandolo ci si può abbandonare ai ricordi o scoprire ciò che di nuovo hanno da dire questi musicisti, ed è questa pluralità di punti di vista che te li fa ascoltare più e più volte. Davvero una bella "novità", non c'è che dire.

TRACKLIST

1. Madhatter
2. Bats In the Belfry II
3. Pain Killers
4. Disappear
5. Rock & Roll Contract
6. Sunshine Suicide
7. Falling Bombs
8. Black Moth
9. Carry The Load
10. Burning Bridges
11. Bats In The Belfry I
12. $

Giudizio personale: Bello
« Ultima modifica: 18 Giugno 2010, 22:32:08 da MultiformeIngegno »

Offline Skylab

  • Moderatore Globale
  • Leggenda del Rock
  • *****
  • Post: 2279
  • We still love you
Re:Bigelf - Hex
« Risposta #1 il: 30 Dicembre 2009, 15:47:34 »
alla fine li hai sentiti!!! grandi bigelf... e comunque c'è da dire che live sono veramente un bello spettacolo!
"Those days are all gone now but one things still true: When I look and I find I still love you"

"In Loving Memory Of Our Child, So Innocent, Eyes Open Wide"

"Step after step we try controllying our fate, when we finally start living it has become too late"

Offline Devilslord

  • Gran Maestro di Forca
  • Moderatore Globale
  • Leggenda del Rock
  • *****
  • Post: 1197
  • Hegh bat'lhqu Hoch nej maH
    • La mia pagina su RockCiclopedia
Re:Bigelf - Hex
« Risposta #2 il: 31 Dicembre 2009, 01:57:14 »
Li ho sentiti da un po', solo che non avevo il tempo di fare la recensione! ;D

Offline mikeres

  • Spettatore
  • *
  • Post: 26
  • Quench my thirst with gasoline
Re:Bigelf - Hex
« Risposta #3 il: 25 Gennaio 2010, 21:17:48 »
ALLACCAPALLACCAZZACCA!!!!!
Dies irae dies illa
solvet saeclum in favilla
teste David cum Sibilla

Offline Devilslord

  • Gran Maestro di Forca
  • Moderatore Globale
  • Leggenda del Rock
  • *****
  • Post: 1197
  • Hegh bat'lhqu Hoch nej maH
    • La mia pagina su RockCiclopedia
Re:Bigelf - Hex
« Risposta #4 il: 26 Gennaio 2010, 01:39:13 »
Ma sei ancora vivo? E non ti azzardare mai più a votare "discreto" un album più che bello (specie se lo definisco io così)! ;D

Offline mikeres

  • Spettatore
  • *
  • Post: 26
  • Quench my thirst with gasoline
Re:Bigelf - Hex
« Risposta #5 il: 26 Gennaio 2010, 17:49:39 »
Senta Devilslurid, ma mi faccia il piacere! lei sul forum di PopCiclopedia ha recensito l'ultimo singolo estratto dall'album di Lady GaGa etichettandolo come (cito testualmente): "capolavoro assoluto, alla stregua di Bohemian Rapsody dei Queen o di Black dei Pearl Jam"...ma La prego.... :afro:
Dies irae dies illa
solvet saeclum in favilla
teste David cum Sibilla

Offline MultiformeIngegno

  • Amministratore
  • Leggenda del Rock
  • *****
  • Post: 2707
  • Id quo maius cogitari nequit
    • MultiformeIngegno
Re:Bigelf - Hex
« Risposta #6 il: 26 Gennaio 2010, 18:30:00 »
Mhuahahah!! ;D
RockCiclopedia (wiki - forum - extra)
Tutta la storia del rock, scritta da voi ...

...iscriviti al feed di RockCiclopedia dedicato alle ultime news del mondo della musica!

Offline Devilslord

  • Gran Maestro di Forca
  • Moderatore Globale
  • Leggenda del Rock
  • *****
  • Post: 1197
  • Hegh bat'lhqu Hoch nej maH
    • La mia pagina su RockCiclopedia
Re:Bigelf - Hex
« Risposta #7 il: 26 Gennaio 2010, 19:09:22 »
Senta Devilslurid, ma mi faccia il piacere! lei sul forum di PopCiclopedia ha recensito l'ultimo singolo estratto dall'album di Lady GaGa etichettandolo come (cito testualmente): "capolavoro assoluto, alla stregua di Bohemian Rapsody dei Queen o di Black dei Pearl Jam"...ma La prego.... :afro:
Ma sentilo, il nostro bimbomi(n)k(i)eres! Lui che ha tutti i dischi di Beyoncè (originali), e dice che è solo per scopi fisiologici... ::) E poi non avrei mai affermato che i Pearl Jam hanno composto un capolavoro, c'è un limite a tutto... ;D

E tu, MultiformeSbaglio, hai poco da ridere, visto che conosci i Blur solo perché "hanno fatto la canzone di FIFA"... Pfui! ::)

Offline mikeres

  • Spettatore
  • *
  • Post: 26
  • Quench my thirst with gasoline
Re:Bigelf - Hex
« Risposta #8 il: 26 Gennaio 2010, 19:15:13 »
Black però lo è, non esageriamo nel sesso...ehm...senso opposto! E poi lo sai che B è innamorata di me sul serio!
Dies irae dies illa
solvet saeclum in favilla
teste David cum Sibilla

Offline Devilslord

  • Gran Maestro di Forca
  • Moderatore Globale
  • Leggenda del Rock
  • *****
  • Post: 1197
  • Hegh bat'lhqu Hoch nej maH
    • La mia pagina su RockCiclopedia
Re:Bigelf - Hex
« Risposta #9 il: 27 Gennaio 2010, 17:00:25 »
Seee, col cavolo! Black è una canzuncella da raduno dei giovani collezionisti di francobolli, e Beyoncé non ti ha denunciato per farti diventare famoso come lei e sposarti, ma perché la molestavi! E poi siamo OTTTT!!!! >:(

Offline mikeres

  • Spettatore
  • *
  • Post: 26
  • Quench my thirst with gasoline
Re:Bigelf - Hex
« Risposta #10 il: 27 Gennaio 2010, 18:01:41 »
la sua, Devil, è solo...come dire...invidia! perchè a me Beyoncè mi ha denunciato, è vero...ma Lei con Burzum, dopo tutte le avances che ha fatto, rischiava ben altro...!
Dies irae dies illa
solvet saeclum in favilla
teste David cum Sibilla

Offline Devilslord

  • Gran Maestro di Forca
  • Moderatore Globale
  • Leggenda del Rock
  • *****
  • Post: 1197
  • Hegh bat'lhqu Hoch nej maH
    • La mia pagina su RockCiclopedia
Re:Bigelf - Hex
« Risposta #11 il: 27 Gennaio 2010, 18:06:00 »
Mi avevi detto che era single! ;D

Offline mikeres

  • Spettatore
  • *
  • Post: 26
  • Quench my thirst with gasoline
Re:Bigelf - Hex
« Risposta #12 il: 27 Gennaio 2010, 18:21:51 »
...perchè? tu ancora ti fidi di quello che dico io?
Dies irae dies illa
solvet saeclum in favilla
teste David cum Sibilla

Offline Devilslord

  • Gran Maestro di Forca
  • Moderatore Globale
  • Leggenda del Rock
  • *****
  • Post: 1197
  • Hegh bat'lhqu Hoch nej maH
    • La mia pagina su RockCiclopedia
Re:Bigelf - Hex
« Risposta #13 il: 27 Gennaio 2010, 19:25:25 »
Appunto: Hex è un bellissimo disco! :music:

E comunque ci tocca proprio tornare IT, altrimenti arriva la cavalleria! ;D

Offline il corvo

  • Moderatore Globale
  • Leggenda del Rock
  • *****
  • Post: 1483
    • Perfect breed
Re:Bigelf - Hex
« Risposta #14 il: 07 Febbraio 2010, 17:48:57 »
Sono belli e bravi, anche se in alcuni live ne fanno di ciofeche!!!
......FADE TO BLACK!!!
No one but me can save myself, but it's too late
Now I can't think, think why I should even try