Bring It On Home

Da RockCiclopedia, tutta la storia del rock... scritta da voi!

"Bring It On Home" è una canzone scritta da Willie Dixon e resa famosa da Sonny Boy Williamson nel 1963. Anche i Led Zeppelin registrarono una loro versione della canzone, ma furono accusati di plagio e si dovettero difendere in tribunale.

In un'intervista del 1977 il leader dei Led Zeppelin, Jimmy Page, commentò:

Citazione « The thing with "Bring It On Home," Christ, there's only a tiny bit taken from Sonny Boy Williamson's version and we threw that in as a tribute to him. People say, "Oh, 'Bring It On Home' is stolen." Well, there's only a little bit in the song that relates to anything that had gone before it, just the end.[1] »

Testo

Lingua originale

Baby, ooh, baby, mm-gon' bring it on home to you
I've got my ticket, I've got that load
Join up, gone higher, all aboard
I'm-a take my seat, ride way back
Ooh, yeah, a-watch this train roll down the track
Gonna bring it on home, mm-bring it on home to you
Watch out, watch out, make me room

Try to tell you, baby, "Whatcha tryin' to do"
Try to love me, baby, love some other man, too
Bring it on home, bring it on home

Went a little walk downtown, honey, messed 'n got back late
Found a note there waitin', it said, "Daddy, I just can't wait"
Bring it on home, bring it on home
Bring it back home, bring it back home to me, baby

Tell you, pretty baby, love to mess me 'round
I'm gonna give you lovin', baby, gonna move you outta town
Bring it on home, bring it on home

Sweetest little baby daddy ever saw
I'm gonna give you lovin', baby, I'm gonna give you more
Bring it on home, bring it on home
Bring it on home, alright

Bring it on home, bring it on home to you
  1. Dave Schulps, Interview with Jimmy Page, Trouser Press, October 1977.


Traduzione italiana

Piccola, piccola... te lo sto per portare a casa.
Ho il mio biglietto, ho il carico. Sono salito, sono andato più in alto, tutti in carrozza.
Prendo il mio posto, giusto più indietro. Guarda quel treno arrivare sulle rotaie.
Te lo sto per portare a casa, lo porto a casa da te.
Guarda fuori, guarda fuori...

Quel che sto cercando di dirti, piccola, cosa stai cercando di fare?
Provi ad amarmi piccola, ma ami anche un altro uomo.
Lo porto a casa.
Ho fatto una piccola passeggiata in centro, mi sono perso e sono tornato tardi.
Ho trovato un biglietto che mi aspettava, c’era scritto, "Papà, non posso proprio aspettare."
Portalo a casa….portalo a casa da me piccola...

Ti dico, bella, ti piace farmi perdere la testa.
Ti amerò anch’io, piccola, ti faro uscire di città.
Portalo a casa…

Piccola dolcissima ragazza, papà vedeva sempre.
Ti amerò piccola, ti amerò di più.
Portalo a casa...

Lo porto a casa, lo porto a casa da te...


Note