Dire Straits

Da RockCiclopedia, tutta la storia del rock... scritta da voi!
Dire Straits
Nazionalità Inghilterra
Errore nella creazione della miniatura: File mancante
Genere Rock and roll
Classic rock
Blues rock
Country rock
Pop rock
Periodo attività 1977 - 1995
Discografia 12
Studio 6
Live 3
Raccolte 3
Sito web

I Dire Straits, il cui nome significa in dialetto "poveracci", sono un gruppo rock inglese fondato nel 1977 e composto da Mark Knopfler (chitarra e voce), suo fratello David (chitarra), John Illsley (basso) e Pick Withers (batteria). Nonostante fossero nati in un'epoca caratterizzata dal predominio musicale del Punk Rock, i Dire Straits sono ancora considerati una della più grandi Rock bands di sempre.

Biografia

1977 - 1979: gli esordi

La storia del gruppo inizia nel 1973, quando Mark Knopfler si trasferisce a Londra e conosce Pick Withers con il quale forma un gruppo chiamato i "Brewer's Droop". Il gruppo però non dura a lungo perchè Mark ottiene un posto come lettore al Loughton College nell'Essex dove fonda una band Rockabilly: i "Cafè Racers". Al suo ritorno a Londra, nel 1977, fonda con il fratello David e il coinquilino John Illsley i "Dire Straits", nome che si riferiva ironicamente alle ristrettezze economiche che caratterizzava, a quei tempi, i membri della band. Per completare la line-up i tre ingaggiano il batterista Pick Withers.

Gli Straits iniziano a comporre canzoni e ad esibirsi nei locali, ma il loro stile, in piena controtendenza con i canoni musicali del momento, arriva difficilmente al pubblico. In degli anni dove il punk e i testi di protesta "urlati" contro gli ascoltatori sono ai vertici delle classifiche, il Rock and Roll puro e semplice della band, con chiare influenze Country, Blues e Jazz, non viene facilmente considerato degno dei primi posti della hit parade. Nel luglio del 1977 incidono, senza molto successo, il loro primo demo, contenente canzoni quali "Wild West End", "Down To The Waterlne", "Water Of Love" e "Sultans Of Swing". Anche il loro omonimo album d'esordio, registrato praticamente a costo zero in uno studio londinese e pubblicato nel 1978, nonostante i pareri entusiasti della critica, viene letteralmente ignorato dal pubblico britannico. Tuttavia, il disco ha discreto successo in Germania, nei Paesi Bassi e negli Stati Uniti, soprattutto per le sue sonorità "retrò" e per l'apprezzamento del pubblico radiofonico. Questo permette la ripubblicazione, sotto forma di EP, di Sultans of Swing: grazie alla potenza della canzone, rimasta da sempre simbolo del gruppo, i Dire Straits riescono a diventare celebri anche in patria. Nel 1978 il gruppo apre i concerti dei Talking Heads e fa una serie di collaborazioni con grandi artisti quali Bob Dylan ("Slow Train Coming").

Il successivo "Communiquè", pubblicato nel 1979, conferma la grande verve compositiva della band, pur mancando di un pezzo di riferimento. Tuttavia si delinea il prototipo dello stile che caratterizzerà i prossimi lavori degli Straits: arrangiamenti essenziali, ritmiche prevalentemente arpeggiate e leggere all'ascolto, grande spazio alle fasi strumentali e alla grande tecnica solistica di Mark Knopfler. Con "Communiquè" i Dire Straits danno il via al loro primo tour americano da headliner: gli incassi dei concerti sono ottimi e i membri incontrano Roy Bittan, tastierista della E Street Band di Bruce Springsteen, che li aiuterà durante la composizione del futuro "Making Movies"

1980 - 1989: il successo

Una sostanziale evoluzione dello stile si ha con la composizione e la pubblicazione di Making Movies (1980): le grandi influenze Jazz e Blues lasciano spazio ad un Rock più elaborato. Inoltre, il contributo di Ed Walsh, tastierista della E Street Band, insieme ad un nuovo stile lirico, più poetico e maggiormente basato su spaccati della società, formano un marchio ancor più caratteristico. Nonostante questo importante cambiamento, che va di pari passo con l'altissima qualità del disco, la consacrazione definitiva ancora stenta ad arrivare. Del lavoro, apprezzatissimo dalla critica, diverranno immortali canzoni come Tunnel of Love e Romeo & Juliet.

Nello stesso anno, la band perde il suo primo componente originario: il fratello di Mark, David Knopfler, decide di uscire dalla formazione a causa dei tanti contrasti con il fratello. Verrà rimpiazzato presto da Hal Lindes, chitarrista anglo-americano, che entrerà nella band insieme al tastierista Alan Clark.

Nel 1982, la band pubblica un nuovo LP, Love Over Gold, stavolta prodotto solamente da Mark Knopfler: il leader della band aveva preso questa decisione in seguito a dei contrasti con la casa discografica, che pretendeva un disco più commerciale. Il lavoro, compreso da cinque tracce prevalentemente strumentali include anche le celeberrime Telegraph Road e Private Investigations, oltre alla title track che verrà comunque inserita tra le migliori hits della band. Accanto a "Love Over Gold" esce anche "Local Hero", colonna sonora del film omonimo e "Alchemy" primo cd live del gruppo.

Dopo l'ottimo successo dell'ultimo lavoro, il batterista Pick Withers decide di lasciare la band per dedicarsi interamente alla musica Jazz: viene immediatamente sostituito da Terry Williams. Anche Knopfler si dedica, nel frattempo, a nuovi progetti, fra cui la composizione della colonna sonora del film Local Hero, ma questo non gli impedisce di pubblicare l'EP ExtendedancEPlay e il doppio live Alchemy con gli Straits. Nell'83 si aggiunge anche un nuovo tastierista, Guy Fletcher alla formazione del gruppo.

La tanto sospirata consacrazione arriva con Brothers in Arms, del 1985. Il disco, registrato a Montserrat con la collaborazione di 2 tastieristi, 2 batteristi ed i più famosi bluesman del periodo è considerato una delle pietre miliari della storia della musica. Il Dobro rappresentato sulla copertina del disco sembra portare l'ascoltatore verso una contemplazione assoluta delle sofferenze del mondo. Il disco, composto di 9 canzoni, si apre con "So Far Away", a cui segue la celeberrima "Money For Nothing", nata dalla collaborazione tra gli Straits e Sting, e si conclude con la descrizione della guerra in "Brothers in Arms". Il disco rappresenta una svolta definitiva per il gruppo che, a seguito del disco, vanterà un lunghissimo tour mondiale che culminerà con la partecipazione al Live Aid. Il disco inoltre "definirà" anche lo "Stile Knopfler" ovvero quella sua capacità di rendere, attraverso un pedale "volume" ed una leggera distorsione, una melodia graffiante.

1987 - 1995: il tramonto

Dopo lo spaventoso successo di Brothers in Arms, la band partecipa alla stesura della colonna sonora di "The Princess Bride" e "Last Exit To Brooklin".

Nel 1991 esce "On Every Street". Alla formazione base (Knopfler, Illsley, Clark e Fletcher) si aggiungono Phil Palmer, Vince Gill (noto cantante country), Jeff Porcaro dei Toto, Danny Cummings degli Wham!, Paul Franklin (suonatore di Steel guitar che seguirà Mark Knopfler nei tour successivi) e Chris White. Alla direzione degli archi ci sarà poi Sir George Martin, produttore dei Beatles. Il disco, pur vendendo oltre 8 milioni di copie, non ha il successo sperato: le sonorità Country, con una chitarra sempre pulita e mai graffiante come in Brothers in Arms non furono così gradite ai fan, che si aspettavano, dopo 6 anni, un ritorno fedele allo stile precedente. In ogni caso, la band parte per un lungo tour mondiale, che impegna i componenti fino al 1993. Nel maggio del 1993 infine esce "On the Night" ultimo album live del gruppo. Dopo qualche mese dalla pubblicazione di Live at the BBC (1995), raccolta delle prime registrazione della band, i Dire Straits si sciolgono, senza troppo clamore.