Led Zeppelin III

Da RockCiclopedia, tutta la storia del rock... scritta da voi!
Led Zeppelin III
Errore nella creazione della miniatura: File mancante
Artista Led Zeppelin
Tipo album Studio
Genere Hard Rock
Folk Rock
Pubblicazione 5 Ottobre 1970
Tracce 10
Durata 43 min : 04 sec
Etichetta Atlantic Records
Produttore Jimmy Page
Album precedente {{{album precedente}}}
Album successivo {{{album successivo}}}

Led Zeppelin III è il terzo album dei Led Zeppelin. Registrato fra Gennaio e Luglio 1970, venne pubblicato il 5 Ottobre dello stesso anno dalla Atlantic Records.

Storia

Dopo l'uscita di Led Zeppelin II, il gruppo cominciò ad assaporare il successo, quello vero. Le due menti creative del gruppo, Jimmy Page e Robert Plant, cominciarono ad avvicinarsi a nuove forme di espressione, a generi apparentemente lontani dal "dirigibile". Il 1970 è l'anno della "scoperta acustica"; il gruppo si ritirò per un breve periodo in uno sperduto cottage presso Bron-Y-Aur, isolato villaggio del Galles. Suonavano insieme alla gente del posto con chitarre acustiche, bevendo birra e trascorrendo le serate intorno al fuoco. L'atmosfera bucolica e rilassata in cui il gruppo si immerse, fece affiorare sconosciute passioni per il folk, il country, il rock californiano.

Da questa esperienza nasce Led Zeppelin III, l'album forse più controverso della band, ma anche più ricco di sfumature nascoste.

L'atmosfera è quanto di più bucolico si possa pensare, lontana anni luce dalle detonate da palco a cui gli Zeppelin avevano abituato il proprio pubblico. E infatti il disco viene accolto in maniera piuttosto tiepida, nonostante fosse già disco d'oro con le sole prenotazioni. Soprattutto la critica si scaglia contro il gruppo, accusato di un eccessivo infiacchimento.

Brani

Vi si alternano una prima facciata elettrica ed una quasi totalmente acustica. "Immigrant Song" è uno dei brani più violenti; su tutto si impone la voce di Plant, un urlo di battaglia selvaggio che sembra provenire dai barbari vichinghi citati nel testo, accompagnato dagli sbuffi del motore di un treno. Con "Celebration Day" si ritorna ad un Hard meno spinto, cedendo infine il passo a "Since I've Been Loving You", uno dei capolavori della storia della musica, in cui Jimmy Page esprime tutta la sua bravura tecnica e la sua espressività. Due ballate Folk della tradizione popolare, riarrangiate, danno vita ai brani "Gallows Pole" e "Bron-Y-Aur Stomp".

Tracklist

Edizione in vinile (1970)
Side one
# TitoloAutori Durata
1. "Immigrant Song"  Page, Plant 2:26
2. "Friends"  Page, Plant 3:55
3. "Celebration Day"  Jones, Page, Plant 3:29
4. "Since I've Been Loving You"  Jones, Page, Plant 7:25
5. "Out on the Tiles"  Bonham, Page, Plant 4:08
Side two
# TitoloAutori Durata
1. "Gallows Pole"  trad., arr. Page, Plant 4:58
2. "Tangerine"  Page 3:12
3. "That's the Way"  Page, Plant 5:39
4. "Bron-Y-Aur Stomp"  Jones, Page, Plant 4:20
5. "Hats Off to (Roy) Harper"  Traditional 3:42