Neoclassical Metal

Da RockCiclopedia, tutta la storia del rock... scritta da voi!

Il Neoclassical Metal (o metal neoclassico, in italiano), vede l'entrata della musica classica nel contesto dell'heavy metal. All'inizio non prevedeva sempre l'utilizzo di tastiere, a volte bastavano virtuosismi di chitarra con l'uso delle scale della musica classica, ovvero la scale minori armoniche, la scala diatonica, la scala cromatica e la scala esatonale a volte anche con l'uso dell'arpeggio continuo e del pedale Delay e con il costante uso dell'ostinato, che prevede la ripetizione di una stessa frase musicale all'interno di un brano, come fosse un ritornello (come nel caso di Yngwie Malmsteen o di Marty Friedman)). Nei tempi recenti - e specialmente nella seconda metà degli anni novanta - prevedeva l'uso di acuti, armonici, ariosi e veloci clavicembali, come per i Symphony X, oppure gli stessi in una versione più drammatica ed ispirata al power metal (come nel caso degli Stratovarius nella storica "Black Diamond", che nonostante abbia una struttura molto fedele al power metal è un brano neoclassical metal ed è considerata tra le migliori canzoni del genere, assieme naturalmente a pezzi storici come "Vengeance" di Yngwie Malmsteen o altri brani, che sono specialmente degli anni novanta e degli anni ottanta.

I musicisti più rappresentativi

Chitarristi

Ad ispirare i maggiori esponenti del genere troviamo Ritchie Blackmore, che con i Deep Purple e con i Rainbow ha fuso la musica classica e l'hard 'n heavy, ma è da citare anche Uli Jon Roth. Dopo questi chitarristi, che più che rappresentarne il genere ne anticipavano la creazione, tra le figure più importanti e fedeli del genere citiamo Yngwie Malmsteen, probabilmente il più noto (ispirato a Bach, Mozart ed agli assoli di violino di Paganini), Marty Friedman e Jason Becker che sono così creativi da aver introdotto nella complessità dei loro lavori anche sonorità elettroniche, giapponesi ed hawaiiane, e Michael Angelo, famoso anche per la velocità dei suoi assoli, che presentano frequenti cambi di impugnatura dello strumento, e Vinnie Moore, altro grande esponente del genere. Questi esponenti del genere hanno ispirato chitarristi come Kiko Loureiro degli Angra, Timo Tolkki e Matias Kupiainen degli Stratovarius, Luca Turilli dei Rhapsody of Fire o Michael Romeo (che ha molte caratteristiche in comune con Yngwie Malmsteen) dei Symphony X.

Per i musicisti neoclassical metal che vedono una grande tecnica della loro composizione, il compositore Niccolò Paganini, rappresenta quasi un maestro, visto che si ispirano molto a compositori e brani di matrice barocca, che spesso hanno anche composto brani per la chitarra, oltre che per il violino, infatti la sperimentazione di musicisti come Johann Sebastian Bach, che faceva anche largo uso di clavicembali e organo o Richard Wagner ha contribuito ad ispirare non solo i musicisti del genere, ma anche quelli che praticavano un metal con un sound più potente come il [[death metal] o il black metal.

Tastieristi

I tastieristi più importanti del genere sono Michael Pinnella dei Symphony X, che ha nel suo stile anche un sound pomposo, progressive, da "cattedrale", oltre agli ariosi clavicembali ed alle sue composizioni "atmosferiche", Jens Johansson degli Stratovarius che è probabilmente il primo tastierista del genere ed il più rappresentativo, essendo stato tastierista di [[Yngwie Malmsteen], di Ronnie James Dio, che ha fuso hard rock e musica classica con i Rainbow e naturalmente degli Stratovarius con i quali è ha raggiunto il massimo successo e si trova attualmente abbracciando anche sonorità più sinfoniche, elettroniche ed a volte più progressive, dark e melodiche.

Origini, contaminazioni e generi derivati

Il neoclassical metal deriva senza dubbio dall'heavy metal classico o classic metal dei Deep Purple, dei Rainbow e degli Europe che praticavano un semplice hard rock ed a volte heavy metal con l'uso di tastiere, tuttavia è curioso come il neoclassical metal si sia ispirato a questa caratteristica di ampliare il sound dell'hard'n heavy ispirandosi a generi come il progressive, il pomp rock ed il classic metal, pur non utilizzando sempre le tastiere, specialmente nei primi tempi. Inoltre lo speed metal, che è diverso dal thrash metal, perchè elimina la durezza privilegiando la tecnica e la velocità, essendo a volte un infuso di altri generi il progressive metal, il power metal e la fusione dei due generi, ovvero il progressive power metal,per la tecnica, le contaminazioni da altri generi, i virtuosismi a volte pomposi di tastiera e/o chitarra, la melodia, i semplici ritmi, ma allo stesso tempo non martellanti e tecnici uniti alla melodia possono far sì che questi generi abbiano molto in comune con il neoclassical metal, in modo da averlo originato o esserne stati derivati.Inoltre anche il symphonic metal, unendo anche altri strumenti con orchestrazioni di musica classica con il progressive metal, con il neoclassical metal o con il power metal può essere considerato a pieno titolo un genere derivato dal neoclassical metal.

Alcuni artisti e gruppi neoclassical metal

Uli Jon Roth

Ritchie Blackmore

Yngwie Malmsteen

Marty Friedman

Jason Becker

Axel Rudi Pell

Vinnie Moore

Michael Angelo Batìo

Cacophony

Nitro

Jens Johansson

Anders Johansson

Johansson Brothers

Rhapsody of Fire

Luca Turilli

Michael Pinnella

Symphony X

Children of Bodom

Alexi Lahio

Stratovarius

Rainbow

Matias Kupiainen

Timo Tolkki

Angra

Michael Romeo

Kiko Loureiro

Evergrey

Thomas Youngblood

Marcus Jidell

Chris Impelletteri

Impelletteri

Joey Tafolla

Tony MacAlpine

Dominique Leurquin