RockCiclopedia

Musica => Recensioni => Topic aperto da: Bonzo - 05 Ottobre 2008, 18:36:01

Titolo: Mötley Crüe - Saints of Los Angeles
Inserito da: Bonzo - 05 Ottobre 2008, 18:36:01
Mötley Crüe - Saints of Los Angeles

Scheda del disco sul wiki di RockCiclopedia (http://wiki.rockciclopedia.com/index.php?title=Saints_of_Los_Angeles)


I Mötley Crüe sono tornati, dopo almeno vent'anni dalle accuse, gli insulti ed i litigi che avevano diviso i "principi neri" del rock più duro! L'ultima volta che li abbiamo visti si sono picchiati, prima sul palco e poi all'aeroporto.
Tornano dopo vent'anni, riappacificati e con un disco tutt'altro che dolce!

"Saints of Los Angeles" è un disco pieno di sonorità dure, riff potenti, di quelli che canticchi tutto il giorno e che si fissano in testa!
Gli ultimi lavori dei Crüe, pur essendo molto belli, non erano mai riusciti a raggiungere una bellezza paragonabile al loro capolavoro: Dr. Feelgood.
Ebbene, quest'ultimo disco è degno di essere ricordato in quanto a pari (se non migliore) di Dr. Feelgood!

Si parte a mille con "L.A.M.F", che più che una traccia vera e propria è "un avvertimento" sulla vera identità di Los Angeles.
Si passa poi al disco vero e proprio. I singoli estratti sono: "Saints of Los Angeles" e "Motherfucker of the year", uno più bello dell'altro!
Di ambedue sono stati prodotti i video.

Insomma: i Mötley sono tornati, e l'hanno fatto nel migliore dei modi, nonostante la grave malattia che affligge Mick Mars e i vari litigi passati.

Non resta che consigliarvi l'ascolto di questo capolavoro!

1 L.A.M.F. (Sixx, Michael, Ashba, Frederiksen) 1:23
2 Face Down in the Dirt (Sixx, Michael, Ashba, Frederiksen) 3:44
3 What's It Gonna Take (Sixx, Michael, Ashba, Frederiksen) 3:45
4 Down at the Whisky (Sixx, Michael, Ashba, Frederiksen) 3:50
5 Saints of Los Angeles (Sixx, Michael, Ashba, Frederiksen) 3:40
6 Muther Fucker of the Year (Sixx, Michael, Ashba, Frederiksen) 3:55
7 The Animal in Me (Sixx, Michael, Ashba, Frederiksen) 4:16
8 Welcome to the Machine (Sixx, Michael, Ashba, Frederiksen) 3:00
9 Just Another Psycho (Sixx, Michael, Ashba, Frederiksen) 3:36
10 Chicks = Trouble (Sixx, Michael, Ashba, Frederiksen) 3:13
11 This Ain't a Love Song (Sixx, Michael, Ashba, Frederiksen) 3:25
12 White Trash Circus (Sixx, Michael, Ashba, Frederiksen) 2:51
13 Goin' Out Swingin' (Sixx, Michael, Ashba, Frederiksen) 3:27
Titolo: Re: [RECENSIONE] Motley Crue - Saints of Los Angeles
Inserito da: John Dorian - 06 Ottobre 2008, 20:37:46
beh non sembra male,ho ascoltato un paio di canzoni,nonostante io non sia un loro fan non li disprezzo :)
Titolo: Re:[RECENSIONE] Motley Crue - Saints of Los Angeles
Inserito da: zess - 04 Novembre 2009, 00:24:57
per me è un album da 6,nè più nè meno.si son limitati a svolgere il compitino,le canzoni mancano di convinzione,non c'è il mordente e l'incazzatura da motley crue.capisco gli anni,le droghe e gli strapazzi ma neil non ha più voce e gracchia,lee ormai è più conosciuto per i suoi exploit hard che per il set di batteria rotante e mars è costretto a frequenti stop a causa della sua malattia ossea.non mi stupirei che il disco fosse uscito apposta per dargli una mano con le cure.
Titolo: Re:Mötley Crüe - Saints of Los Angeles
Inserito da: il corvo - 03 Marzo 2010, 12:33:54
Per me possono andare a dormire tutti quanti!  Non sono più un gruppo, fanno lite dietro le quinte, si denunciano, se ne fanno di tutti i clori ma continuano a produrre album per soldi e per obbligo di contratto quindi il loro album se lo sentissero loro!  Cmq l'ho sentito e non vale più di molti lavori fatti in passato...
Titolo: Re:Mötley Crüe - Saints of Los Angeles
Inserito da: Stratovarius - 02 Settembre 2010, 17:59:51
Buona band, ma mi sembrano a volte gli Oasis del metal :-\
Comunque nell'ambiente "glam" (anche se questo glam andrebbe capito bene cosa sia) preferisco David Bowie e Van Halen.
Però devo dire che i Motley Crue pur facendo 'sto glam sono rimasti abbastanza fedeli all'heavy metal tradizionale, ma non mi piacciono molto, perchè al di fuori dei loro vestiti e della loro musica non li ammiro come persone, visto che probabilmente la loro reunion era più che altro per prendere soldi.