RockCiclopedia

Musica => Recensioni => Topic started by: Devilslord on 09 December 2008, 00:11:20

Title: Vanadium - A Race with the Devil
Post by: Devilslord on 09 December 2008, 00:11:20
Vanadium - A Race with the Devil

Scheda del disco sul wiki di RockCiclopedia (http://wiki.rockciclopedia.com/index.php?title=A_Race_with_the_Devil)

(http://wiki.rockciclopedia.com/images/f/f1/A_Race_With_The_Devil_Album_Cover.jpg)


Secondo album, targato '83, della metal-band italiana che per prima ha abbattuto i confini nazionali ed introdotto davvero il Bel Paese nel mondo dell'Heavy-Metal anche dal punto di vista creativo. Rispetto all'esordio, più legato all'influenza degli ultimi (considerando l'apoca) Deep Purple, qui siamo ormai in pieno filone NWOBHM con marcati tocchi Hair. E Scotto & Co. interpretano alla perfezione quella scuola di pensiero, prendendo il meglio della produzione straniera e rielaborandola senza scopiazzature. Ne emerge un lavoro solido (molto più del predecessore), ben equilibrato ed originale, forse il migliore del gruppo. Gli stacchi virtuosi dei cinque rockers milanesi reggono tranquillamente il confronto con la stragrande maggioranza delle performance poste in essere da nomi ben più blasonati: soprattutto la chitarra Stefano Tessarin (che va a sostituire Carlo Asquini) trasuda carisma e personalità. Forza e voglia di Rock nella sua essenza "travolgono" l'ascoltatore: insomma, questo disco fa il suo mestiere.

Si parte con la frenetica Get Up, Shake Up, che sembra a tratti riecheggiare i primi Iron Maiden e i Black Sabbath di R.J. Dio, e che già nel titolo dice tutto... I riff di chitarra sono davvero "cattivi" e pregevoli, e questa è forse la traccia che più resta nella mente dopo aver ascoltato il lavoro al completo. I Gotta Clash With You mette in mostra tutte le potenzialità del particolare mix tra tastiere e chitarre tipico dei Deep Purple, accennando a quel sound AOR a cui, qualche anno dopo, approderà proprio il leggendario quintetto britannico. Il terzo pezzo, Don't Be Looking Back, può essere considerato a tutti gli effetti una power-ballad, anch'essa apprezzabile ed esemplare nell'utilizzo delle tastiere e della doppia chitarra. Davvero bello l'assolo di Tessarin. La title track torna alla velocità, e le tastiere qui arrivano, a tratti, anche a rubare la scena agli altri strumenti (con risultati stavolta non troppo esaltanti, a dire il vero): paradossalmente, tuttavia, è una delle tracce in generale più "debole" (forse a causa del "filo conduttore" di non eccessiva presa e un po' troppo monotono, benchè intervallato da un rapido e bel fraseggio del solito Tessarin). Nell'intro di Running Wild i Maiden si vedono tutti, con un accattivante arpeggio a doppia chitarra, ma ecco che rapidamente si passa a ritmi Hair classici (del resto il titolo non lascia equivoci in merito...) stile Great White, ma con chitarre decisamente più ruvide (e molto più audaci) e impreziositi da un Hammond molto ben amalgamato. Fire Trails (canzone che - una curiosità - darà il nome all'attuale gruppo del cantante dei Vanadium) è un Hard-Blues arrangiato sorprendentemente bene per la voce alta ma molto sporca di Scotto. Ancora tanto virtuosismo di Tessarin: pezzo più che discreto. Outside Of Society è puro Speed-Metal alla Iron Maiden, ma l'organo di Ruggero Zanolini colma in modo magistrale una grossa lacuna da cui l'intero genere "veloce" è purtroppo sempre stato in generale limitato: il peso ridotto, quand'anche presente, delle tastiere. Non può mancare, anche qui, lo stupendo duetto con la chitarra di Tessarin. Infine c'è Russian Roulette: sintetizzatori che richiamano, all'inizio, prima le trame sinfoniche dell'odierno power-metal, poi le essenziali ma inquietanti colonne sonore degli horror B-movie dell'epoca, ed ancora ritmi e variazioni di tempo "made in Maiden", inframezzati da potenti stacchi Hard-Rock. Tessarin e Zanolini qui si congedano in un ultimo, riuscitissimo connubio.

E' curioso notare come, ascoltato il disco, si abbia la chiara impressione che i Vanadium avrebbero potuto sfondare più di molte altre anonime band Heavy dell'epoca (nonostante il loro riscontro sia stato in realtà tutt'altro che limitato, anche se non planetario), e che la semplice provenienza geografica - con tutti i limiti derivanti da un mercato interno assolutamente snobbato dalla grande produzione, ancora attaccata con le unghie e con i denti alla tradizionale musica leggera e da poco timidamente aperta all'elettro-pop - abbia costituito di fatto una pesante ancora per questo gran bel quintetto. Che per fortuna ha fatto in tempo (si fa per dire, visto che si sarebbe sciolto solo dodici anni dopo) a lasciarci questo bel disco...

TRACKLIST

1. Get Up, Shake Up
2. I Gotta Clash With You
3. Don't Be Looking Back
4. A Race With The Devil
5. Running Wild
6. Fire Trails
7. Outside Of Society
8. Russian Roulette


Giudizio personale: Buono
Title: Re: [RECENSIONE] Vanadium - A Race with the Devil
Post by: John Dorian on 09 December 2008, 16:34:04
il gruppo di pino!!! mai sentito,li conoscevo solo di nome!! lo devo assolutamente sentire!! a presto il mio giudizio!
Title: Re: [RECENSIONE] Vanadium - A Race with the Devil
Post by: il corvo on 09 December 2008, 17:48:52
il gruppo di pino!!! mai sentito,li conoscevo solo di nome!! lo devo assolutamente sentire!! a presto il mio giudizio!
Sono bravissimi...sai se non sai che è il gruppo di pino neanche te ne accorgi che sono italiani! Penseresti a qualche gruppo hair metal degli anni 80 inglese o statunitense ;)
Title: Re: [RECENSIONE] Vanadium - A Race with the Devil
Post by: MultiformeIngegno on 09 December 2008, 18:59:28
Aggiunta la voce nel wiki.. :)
Title: Re: [RECENSIONE] Vanadium - A Race with the Devil
Post by: Dan Vog on 09 December 2008, 23:40:16
E' un grande album, l'ho sentito (piratato purtroppo... non si trova da nessuna parte e non ricordo neanche io come l'ho recuperato! :blink:) e devo dire che si sente molto anche l'influsso degli Ac/Dc...
Se non ricordo male A Race with the Devil è dedicata proprio a Bon Scott..nel finale si sente anche l'attacco di Whola Lotta Rosie...

Consigliatissimo...
Ma date un'occhiata (un'ascoltata più che altro!) ad un'altra grandissima Heavy Metal Band nostrana degli anni '80..purtroppo sottovalutati, come i Vanadium, come tanti, come sempre...

gli STRANA OFFICINA!

magari si aprirà un topic a riguardo... io purtroppo ora non ho tempo...  :getlost:

Cmq non ve ne pentirete!  :thumbsup:
Title: Re:[RECENSIONE] Vanadium - A Race with the Devil
Post by: zess on 03 November 2009, 21:32:04
il gruppo di pino scottex!!ahahhahah
sinceramente,non mi son mai piaciuti...non so,li ho sempre trovati grezzi,si,ma scialbi.
Title: Re:Vanadium - A Race with the Devil
Post by: Stratovarius on 02 September 2010, 17:55:19
il gruppo di pino scottex!!ahahhahah
sinceramente,non mi son mai piaciuti...non so,li ho sempre trovati grezzi,si,ma scialbi.
zess vai a c***** [88] ;D
Comunque ho aggiunto sul wiki tempo fa una voce su unj altro album dei Vanadium che probabilmente recensirò e si chiama Born to Fight.
P.S. Non volevo essere cattivo quando ho mandato a quel paese zess. 8)