Blues

Da RockCiclopedia, tutta la storia del rock... scritta da voi!
Versione del 15 set 2009 alle 14:49 di Giakello992 (discussione | contributi) (Creata pagina con 'Il '''''Blues''''' è una forma musicale nata attorno agli anni 30 in America, da cui sono derivati o sono stati fortemente influenzati quasi tutti gli altri stili musicali, dall…')
(diff) ← Versione meno recente | Versione attuale (diff) | Versione più recente → (diff)
Vai alla navigazioneVai alla ricerca

Il Blues è una forma musicale nata attorno agli anni 30 in America, da cui sono derivati o sono stati fortemente influenzati quasi tutti gli altri stili musicali, dall'Hard Rock al Rhythm and Blues.

File:Ray Charles Apollo Theater Harlem 1990.jpg
Ray Charles, uno dei massimi esponenti del Blues.

Il nome

Blues, "blu" in inglese, ha anche il significato di triste, nostalgico. Venne associato a questo stile musicale in quanto la popolazione americana soleva credere che la musica afro-americana fosse in qualche modo molto triste.

Storia ed origini

L'origine

Non vi è una traccia evidente della nascita del Blues e, come praticamente tutti gli stili musicali, è molto discussa la sua nascita.

Sostanzialmente però, una data significativa è il 1865, anno dell'abolizione della schiavitù negli Stati Uniti: ciò fece sì che molti ex-schiavi portassero la musica che era nata nelle coltivazioni al di fuori, facendo in modo che lo stile si evolvesse fino alle tracce a noi note.

Antenati del Blues si possono trovare dunque tra le work songs, canzoni di lavoro, degli schiavi neri, nello Spiritual, canto di devozione originatosi attorno ai primi anni del XIX secolo. tutte e due richiamavano testi con risonanze maliconiche ed appassionate. Senz'altro elementi della musica africana si ritrovano all'interno del Blues: probabilmente ad essa si rifa l'intonazione "nasale" dei cantanti, o anche l'introduzione delle Blue notes.

Storia del Blues

La prima pubblicazione di una canzone Blues nota è del 1912: si tratta di "Dallas Blues", di Hart Wand, a cui seguirono, dall'anno successivo tutte le pubblicazioni blues più e meno note. Due altre pubblicazioni vanno ricordate: "Baby Seals' Blues" di Artie Matthews e "The Memphis blues" di W. C. Handy.

Quest'ultimo ,in particolare, aiutò fortemente il Blues a divenire popolare negli Stati Uniti, trascrivendo ed orchestrando Blues per musicisti, fatto che lo portò ad essere definito come "padre del Blues".

Negli anni 20 il Blues arrivò a spopolare, diventando da semplice esibizione da bar a veri e propri eventi teatrali: il nuovo stile veniva eseguito a Memphis nel teatro principale, così come nei bar, o nei nightclub. Così molte compagnie discografiche, come l'American Record Corporation, la Paramount Records e la Okeh Records iniziarono a scritturare e pubblicare artisti afro-americani.

Nel 1923 il musicista Blues Sylvester Weaver fu il primo a registrare con lo stile dello slide, dove la chitarra viene suonata usando la lama di un coltello o il collo rotto di una bottiglia, producendo un tipico e caratteristico suono; di lì la chitarra slide divenne caratteristica del Delta Blues.

File:Steve Ray vaughan.jpg
Steve Ray Vaughan, altra "anima" del blues moderno.