Differenze tra le versioni di "Giles Giles & Fripp"

Da RockCiclopedia, tutta la storia del rock... scritta da voi!
Vai alla navigazioneVai alla ricerca
(Creata pagina con 'La leggenda King Crimson ha inizio, frutto di un contratto con la etichetta discografica Deram nel 1968 anno in cui Robert Fripp insieme ai due fratelli Giles reg...')
 
 
Riga 1: Riga 1:
 
La leggenda [[King Crimson]] ha inizio, frutto di un contratto con la etichetta discografica [[Deram]] nel [[1968]] anno in cui [[Robert Fripp]] insieme ai due fratelli Giles registrano [[The cheerful insanity of Giles Giles & Fripp]]. L'album non è un granchè e passerà del tutto inosservato in quel periodo, ed ai giorni nostri ha un valore meramente collezionistico.
 
La leggenda [[King Crimson]] ha inizio, frutto di un contratto con la etichetta discografica [[Deram]] nel [[1968]] anno in cui [[Robert Fripp]] insieme ai due fratelli Giles registrano [[The cheerful insanity of Giles Giles & Fripp]]. L'album non è un granchè e passerà del tutto inosservato in quel periodo, ed ai giorni nostri ha un valore meramente collezionistico.
 
Il disco è composto da due lunghe suite che riempiono i solchi delle due facciate, e rientra a pieno nei canoni del cosiddetto proto prog.  
 
Il disco è composto da due lunghe suite che riempiono i solchi delle due facciate, e rientra a pieno nei canoni del cosiddetto proto prog.  
Presenti oltre al trio chitarra-basso-batteria, anche [[Nicky Hopkins]] che suona in un'orchestra di archi.
+
Presenti oltre al trio chitarra-basso-batteria, anche [[Nicky Hopkins]] che suona insieme ad un'orchestra di archi.

Versione attuale delle 23:18, 19 giu 2009

La leggenda King Crimson ha inizio, frutto di un contratto con la etichetta discografica Deram nel 1968 anno in cui Robert Fripp insieme ai due fratelli Giles registrano The cheerful insanity of Giles Giles & Fripp. L'album non è un granchè e passerà del tutto inosservato in quel periodo, ed ai giorni nostri ha un valore meramente collezionistico. Il disco è composto da due lunghe suite che riempiono i solchi delle due facciate, e rientra a pieno nei canoni del cosiddetto proto prog. Presenti oltre al trio chitarra-basso-batteria, anche Nicky Hopkins che suona insieme ad un'orchestra di archi.