Differenze tra le versioni di "Led Zeppelin"

Da RockCiclopedia, tutta la storia del rock... scritta da voi!
Vai alla navigazioneVai alla ricerca
Riga 38: Riga 38:
 
Dopo l'incisione la band partì per un nuovo tour americano.
 
Dopo l'incisione la band partì per un nuovo tour americano.
 
Per il pubblico italiano ci fu una sola occasione per vederli: il 3 luglio 1971, al Palavigorelli di Milano, dove purtroppo si sfiorò la tragedia.
 
Per il pubblico italiano ci fu una sola occasione per vederli: il 3 luglio 1971, al Palavigorelli di Milano, dove purtroppo si sfiorò la tragedia.
Prima, la violenta contestazione a fischi e lattine verso i "canzonettari" del Cantagiro, che aprivano la serata. '''Poi, durante l'esibizione dei Led Zeppelin, il putiferio: Robert Plant non fa in tempo a completare il primo brano, la musica si ferma, la polizia spara candelotti lacrimogeni, si alza il fumo.'''
+
[[Image:Jimmy-page.jpg|thumb|left|250px|Jimmy Page durante l'assolo di Stairway to Heaven]]Prima, la violenta contestazione a fischi e lattine verso i "canzonettari" del Cantagiro, che aprivano la serata. '''Poi, durante l'esibizione dei Led Zeppelin, il putiferio: Robert Plant non fa in tempo a completare il primo brano, la musica si ferma, la polizia spara candelotti lacrimogeni, si alza il fumo.'''
[[Image:Jimmy-page.jpg|thumb|left|250px|Jimmy Page durante l'assolo di Stairway to Heaven]]Alla terza canzone, altri lacrimogeni e una carica della polizia, con la gente che, in preda al panico, invade il palco.
+
Alla terza canzone, altri lacrimogeni e una carica della polizia, con la gente che, in preda al panico, invade il palco.
 
"''Quella sera credemmo di morire'' - ricorderà Plant -. ''Fummo costretti ad abbattere una porta per rifugiarci nei camerini. Quando cercammo di recuperare gli strumenti, scoprimmo che era stato tutto distrutto''".
 
"''Quella sera credemmo di morire'' - ricorderà Plant -. ''Fummo costretti ad abbattere una porta per rifugiarci nei camerini. Quando cercammo di recuperare gli strumenti, scoprimmo che era stato tutto distrutto''".
  

Versione delle 14:18, 24 dic 2007

I Led Zeppelin sono considerati uno dei gruppi più importanti e celebri della storia della musica rock. La band, fondata nel 1968 da Jimmy Page (chitarra), Robert Plant (voce e armonica), John Paul Jones (basso e tastiere) e John Bonham (batteria), si sciolse nel 1980. Il loro mix esplosivo di blues, hard rock e psichedelia stravolse ed innovò il rock 'n' roll, trascinando ed influenzando - grazie al loro sound - molti altri gruppi come ad esempio i Cream.

I concerti dei Led Zeppelin erano pervasi da un'energia feroce, da una potenza incredibile, da un furore quasi mistico. Incroci inquietanti di melodie folk, blues e rock, guidate dall'insuperabile Jimmy Page e dal canto stridulo e possente di Plant.

Logo dei Led Zeppelin.

Dopo lo scioglimento i componenti si sono divisi intraprendendo carriere soliste e riunendosi di tanto in tanto per concerti o eventi dal vivo.

Ad oggi la band ha venduto oltre 300 milioni di dischi, attestandosi fra i gruppi più rilevanti della storia.

Biografia

Origini

Jimmy Page, ventiquattrenne, è già un'affermato turnista di studio e forte di quasi dieci anni di carriera, si unisce agli Yardbirds sostituendo Paul Samwell-Smith e ricoprendo il ruolo di secondo chitarrista solista, insieme a Jeff Beck. Nell'Ottobre del 1966 Beck, adducendo motivi di salute, abbandonò la squadra e Page gli propose la creazione di una nuova band. L'aria di cambiamento aleggiava da un po' ma Beck rifiutò il posto. Jimmy non si diede allora per vinto ed arruolò John Paul Jones, bassista e tastierista, il quale affermò che sarebbe stato interessato a collaborare musicalmente con lui. Si mise poi alla ricerca di un cantante per il suo nuovo gruppo; non appena sentì la voce del giovane dilettante Robert Plant rimase talmente colpito da preferirlo a voci come Rod Stewart e Joe Cocker.

File:Robert Plant.jpg
Robert Plant al Green Man Festival (Agosto 2007)

Plant accettò l'offerta e consigliò a sua volta il batterista John Bonham, conosciuto durante una precedente esperienza musicale.

La comitiva dunque, provvisoriamente conosciuta come i The New Yardbirds, partì per una tournèe in Scandinavia, al termine della quale stabilirono di cambiare il nome del gruppo. Inizia così la storia dei Led Zeppelin.

Inizi (1969-1971)

Agli inizi del 1969 il gruppo incise il primo disco, intitolato semplicemente "Led Zeppelin". I brani, caratterizzati sempre da una mistura di blues, folk e rock, affermarono il disco e la band ricevette un immediato successo. Nello stesso anno uscì la seconda fatica del gruppo, Led Zeppelin II, dove troviamo melodie più hard rock. Anche questo album riscosse un consenso strepitoso e rimase alle vette delle classifiche americane per anni. Poco tempo dopo i Led Zeppelin partirono per una nuova tournée. I live duravano anche più di quattro ore e sul palco il gruppo eseguiva versioni delle loro canzoni più lunghe e piene di improvvisazioni rispetto a quelle registrate in studio.

Per l'incisione del loro terzo disco i Led Zeppelin si ritirarono in Galles, a Bron-Yr-Aur, posto isolato e privo di elettricità, dove si misero a suonare insieme alla gente del posto con chitarre acustiche, bevendo birra e passando le serate intorno al fuoco.

L'album alterna una prima facciata elettrica ad una quasi totalmente acustica. "Immigrant Song" è uno dei brani più violenti; su tutto si impone la voce di Plant, un urlo di battaglia selvaggio che sembra provenire dai barbari vichinghi citati nel testo accompagna gli sbuffi del motore di un treno. Con "Celebration Day" si ritorna all'hard, più noto al gruppo, che lascia il passo a "Since I've Been Loving You", uno dei capolavori della storia della musica, dove Jimmy Page esprime tutta la sua bravura.

Come gli altri anche questo disco ottenne un grande successo ma contemporaneamente scatenò alcune critiche, fra cui quelle della stampa che denunciava un infiacchimento del gruppo.

Apice (1971-1975)

Noncuranti di queste affermazioni i Led Zeppelin iniziarono subito le registrazioni del loro quarto album, probabilmente il disco più importante e completo della loro storia. Si passa da brani hard rock come "Black Dog" a canzoni contenenti un mix di vari generi, come "Stairway to Heaven", diventata indelebilmente simbolo del gruppo. L'idea di comporre una canzone che cominciasse con un coro di flauti e finisse con un bombardamento formato Led Zeppelin era in cantiere ancora prima delle sedute di registrazione dell'album. Gli accordi li trovò Page, una sera, quasi per caso, e mentre il gruppo cominciava a costruire la parte strumentale, Plant, in un angolo, di umore nero e senza nemmeno pensarci, cominciò a scribacchiare qualcosa su un pezzo di carta. Quando lesse le prime parole quasi si sorprese di sè stesso: "there's a lady who's shure/all the glitters is gold/and she's buying a stairway to heaven". Una delle curiosità che accompagnano questo album è proprio la mancanza di un nome. La casa discografica pretese che i componenti scegliessero un simbolo ciascuno da inserire nell'album e fu così che Page scelse una scritta simile alla parola ZoSo, Robert Plant una piuma iscritta in un cerchio, John Paul Jones un cerchio con tre punte e John Bonham tre cerchi intrecciati. Per facilità l'album viene ormai universalmente conosciuto come Led Zeppelin IV o, più raramente, "Runes Album" o "ZoSo".

Dopo l'incisione la band partì per un nuovo tour americano. Per il pubblico italiano ci fu una sola occasione per vederli: il 3 luglio 1971, al Palavigorelli di Milano, dove purtroppo si sfiorò la tragedia.

Jimmy Page durante l'assolo di Stairway to Heaven

Prima, la violenta contestazione a fischi e lattine verso i "canzonettari" del Cantagiro, che aprivano la serata. Poi, durante l'esibizione dei Led Zeppelin, il putiferio: Robert Plant non fa in tempo a completare il primo brano, la musica si ferma, la polizia spara candelotti lacrimogeni, si alza il fumo.

Alla terza canzone, altri lacrimogeni e una carica della polizia, con la gente che, in preda al panico, invade il palco. "Quella sera credemmo di morire - ricorderà Plant -. Fummo costretti ad abbattere una porta per rifugiarci nei camerini. Quando cercammo di recuperare gli strumenti, scoprimmo che era stato tutto distrutto".

Houses of the Holy (1973), è caratterizzato da brani molto lunghi e dall'importante contributo di Jones nell'arrangiamento degli archi. Il 1975 fu l'anno di Physical Graffiti, doppio album contenente brani registrati per le ultime tre incisioni ma non inclusi nelle stesse, assieme a nuove canzoni.

Epilogo (1976-1980)

Con la popolarità si accentuarono gli eccessi e la loro eccentricità fuori scena. I Led Zeppelin viaggiavano con un jet privato, droga, alcool e avventure sessuali a non finire. Improvvisamente la sfortuna si abbattè sulla band, Robert Plant e la moglie vennero coinvolti in un incidente d'auto e il cantante riportò la frattura di una caviglia.

Il gruppo, non potendo più esibirsi dal vivo, si concentrò sul settimo disco, Presence. Il vento era cambiato ed anche se il gruppo ottenne presto il disco di platino, l'epilogo era ormai prossimo. Verso la fine del 1976 uscì il film "The Song Remains the Same" e la relativa colonna sonora, contenente varie registrazioni effettuate durante le esibizioni del 1973 al Madison Square Garden di New York.

File:John Paul Jones.jpg
John Paul Jones in una foto recente.

Il gruppo sembra sfaldarsi, i dissapori tra Page e Plant sono sempre più insostenibili.

Il nuovo album, In Through The Out Door, è un vero e proprio disastro. La band cambia quasi completamente genere, con la voglia di apparire e sfornare qualcosa a tutti i costi, perdendo così la rotta.

Il tour americano, programmato da tempo, venne annullato in quanto poco prima di partire per gli Stati Uniti, Bonham si presentò alle prove completamente ubriaco; continuò a bere per tutta la sera in una festa a casa di Page e fu messo a dormire in una stanza. La mattina dopo fu trovato morto, soffocato nel proprio vomito. La stampa parlò di 40 dosi di vodka ingerite.

Dopo la morte di Bonham, gli altri tre componenti, con un comunicato stampa diffuso il 4 dicembre 1980, resero nota la decisione di voler interrompere l'attività artistica con il nome di Led Zeppelin.