Playing the Angel

Da RockCiclopedia, tutta la storia del rock... scritta da voi!
Vai alla navigazioneVai alla ricerca
Playing the Angel
Copertina di Playing the Angel.
Artista Depeche Mode
Tipo album Studio
Genere Synth Rock
Pubblicazione 17 ottobre 2005
Tracce 12
Durata 52 min : 12 sec
Etichetta Mute Records (UK)
Sire (US)
Produttore Depeche Mode
Ben Hillier
Album precedente {{{album precedente}}}
Album successivo {{{album successivo}}}

Uscito nell'ottobre 2005, Playing The Angel è il diciassettesimo album della band britannica, l'undicesimo registrato in studio. Contiene 12 tracce inedite, da cui sono state estratte come singoli "Precious", "Suffer Well", "A Pain that I'm Used To" e "John The Revelator", che fu unito nel singolo a "Lilian", penultima traccia dell'album. Segna la fine del digiuno della band dagli inediti, che durava dal 2001, anno di uscita di "Exciter". Tutto l'album è incentrato sul tema della lotta tra bene e male, tra angeli e demoni. L'atmosfera, prevalentemente tetra e cupa, contribuisce all'ambientazione.

Brani

Si parte con i riff sintetizzati e dissonanti di "A Pain That I'm Used To", che consiste principalmente in una climax di melodie sempre più cupe e dure. Un altro pezzo simbolo dell'album è "Precious", canzone tipicamente sintetizzata, dall'atmosfera malinconica. Gli altri pezzi chiave del disco sono sicuramente "Macro", "Nothing's Impossible" e la già citata "Lilian", che nell'album viene "preparata" da due pezzi d'apertura come la strumentale "Introspectre" (che crea un bridge tra "Nothing's Impossible" e gli ultimi pezzi dell'album) e "Damaged People". Il disco si chiude con "The Darkest Star", dalla quale deriva il titolo dell'album.

Playlist

  1. A Pain that I'm Used To (3:57)
  2. John the Revelator (3:41)
  3. Suffer Well (3:49)
  4. The Sinner in Me (4:55)
  5. Precious (4:10)
  6. Macro (4:02)
  7. I Want it All (6:09)
  8. Nothing's Impossible (4:21)
  9. Introspectre (1:42) - Strumentale
  10. Damaged People (3:27)
  11. Lilian (4:44)
  12. The Darkest Star (6:38)