Viva la Vida or Death and All His Friends

Da RockCiclopedia, tutta la storia del rock... scritta da voi!
Jump to navigationJump to search
Viva la Vida or Death and All His Friends
Copertina di Viva la Vida or Death and All His Friends, album dei Coldplay
Artista Coldplay
Tipo album Studio
Genere Pop Rock
Pubblicazione 13 Giugno 2008
Tracce 10
Durata 45 min : 51 sec
Etichetta Parlophone, Capitol
Produttore Coldplay, Brian Eno
Album precedente {{{album precedente}}}
Album successivo {{{album successivo}}}

Viva la Vida or Death and All His Friends, quarto lavoro in studio per i Coldplay, arriva in Italia il 13 Giugno 2008. È un successo annunciato, grazie alle prenotazioni da record il disco è già platino prima che raggiunga fisicamente i negozi. Non sono solo il florido passato commerciale della band e la curiosità dopo il silenzio di tre anni da X&Y a gonfiare le vendite, ma anche e soprattutto i commenti della critica internazionale. Una critica che non tarda a salutare Viva la Vida come album decisivo di Martin&Co, e che vede le proprie rosee aspettative non solo confermate, ma addirittura superate dal singolo di lancio uscito un mese prima, "Violet Hill". Con questo pezzo i fan di vecchia data iniziano a presagire una maturazione naturale e graditissima, più che il cambiamento radicale di cui si vociferava tanto.

Sulla copertina del disco è raffigurato "La Libertà che guida il popolo", celeberrimo dipinto di Eugène Delacroix, ma il titolo dell'album è stato ispirato dalla frase Viva La Vida scritta nell'omonimo quadro che Frida Kahlo ha dipinto otto giorni prima di morire. Chris Martin, leader dei Coldplay, ha così spiegato la scelta del titolo usando la frase dell'artista messicana:

{{#if: |
Citazione ()
« {{{3}}} »
Citazione {{#if:|{{{{{lingua2}}}}}|(IT)}}
« Lei è sopravvissuta alla poliomelite, ad una spina dorsale rotta e un male cronico per decenni. Ha avuto un sacco di problemi e poi ha iniziato questo grande quadro a casa sua che diceva Viva La Vida. Mi è piaciuta questa audacia. »
{{#if:|
({{{2}}})
}}
Citazione « Lei è sopravvissuta alla poliomelite, ad una spina dorsale rotta e un male cronico per decenni. Ha avuto un sacco di problemi e poi ha iniziato questo grande quadro a casa sua che diceva Viva La Vida. Mi è piaciuta questa audacia. »
{{#if:|
({{{2}}})
}}

}}

Tracce

Nel primo, vincente singolo, i Coldplay non abbandonano l'efficace semplicità degli schemi compositivi che li ha resi famosi ma allo stesso tempo si superano, ammiccando addirittura ai Beatles di "I Am The Walrus", ricordati nelle sonorità e nell'evocazione di atmosfere surreali. Il videoclip di "Violet Hill" è stato girato completamente in Italia, precisamente in Sicilia. La "white snow" a cui si riferisce il testo è nel video la neve del vulcano Etna e l'edificio davanti al quale i Coldplay suonano il pianoforte è Palazzo Biscari, nel centro di Catania. Il secondo singolo, "Viva la Vida", semiomonimo dell'album, scatena un consenso persino maggiore: il marchio dei Coldplay è evidente ma mai stancante e si amalgama perfettamente alla deliziosa novità dell'introduzione degli archi. La canzone non tarda a diventare il tormentone dell'autunno.

Apre la tracklist dell'album il pezzo strumental-ipnotic "Life is Technicolor", il cui motivo si ripresenterà nelle battute di "Death and All his friends", per chiudere l'album nella più fedele Ringkomposition. Se nella parte iniziale della multiforme "42" si riconoscono immediatamente i Coldplay di The Scientist, nell'ambigua "Lovers in Japan-Reign of Love" e nella romantic "Cemeteries in London" si sente l'eco lontano degli U2. Vicinanza dei due gruppi caratterizzata soprattutto dalla unicità dei timbri dei rispettivi leader, che si erano già incontrati in un'inedita london version di "What's Going On" di Marvin Gaye. E sono proprio le doti vocali di Chris Martin e il suo sapersi destreggiare perfettamente in tonalità basse a rendere sensualissima "Yes". "Lost!" si rivela un'altra scelta azzeccatissima per il terzo singolo: con il suo organo e il tempo scandito dai battiti di mano ricorda un po' un cato di chiesa, gemella acustica di "Lost?", nella quale il gruppo aggiunge un semplice ma efficace accompagnamento di pianoforte.

Tracklist

  1. Life in Technicolor - 2:29
  2. Cemeteries of London - 3:21
  3. Lost! - 3:55
  4. 42 - 3:57
  5. Lovers in Japan/Reign of Love - 6:51
  6. Yes - 7:06
    • Yes – 4:04
    • Chinese Sleep Chant – 3:02 (traccia nascosta)
  7. Viva la Vida - 4:01
  8. Violet Hill - 3:42
  9. Strawberry Swing - 4:09
  10. Death and All His Friends - 6:18
    • Death and All His Friends – 3:32
    • The Escapist – 2:46 (traccia nascosta)